posted by organizer: mpigliucci || 1599 views || tracked by 2 users: [display]

SIDDR 2014 : VI Seminario Interdisciplinare dei dottorandi, dei dottori di ricerca e dei ricercatori La Città

FacebookTwitterLinkedInGoogle

Link: http://convegnodottorandi2014.blogspot.it/
 
When Jun 5, 2014 - Jun 7, 2014
Where Università di Roma Tor Vergata
Submission Deadline Apr 30, 2014
Final Version Due Sep 15, 2014
Categories    geografia   storia dell'arte   letteratura   storia
 

Call For Papers

In occasione del VI Seminario Interdisciplinare organizzato dai Dottorandi dell’Università di Roma Tor Vergata anche quest’anno è stato indetto, in continuità con le precedenti edizioni, un Call for Papers: una preziosa occasione d’incontro, appositamente concepita per l’interazione sinergica tra studiosi di interessi disciplinari diversi. I tre giorni di seminario intendono stimolare e approfondire una riflessione sulla città: un concetto ibrido e sempre in fieri, uno spazio polivalente, un’entità unica e collettiva a un tempo e per questo, a volte, conflittuale in se stessa.
Il topos della città coinvolge trasversalmente numerosi ambiti di studio, presentandosi come una costante all’interno del percorso evolutivo dell’uomo. Incoraggiamo per questo l’invio di proposte che pongano uno sguardo attento al paesaggio urbano e al suo rapporto con l’uomo e la società; analisi critiche che esplorino e identifichino modalità e peculiarità attraverso cui, questo luogo per eccellenza della spazialità – e non solo – della vita umana, risulti essere un fenomeno a tutto tondo, in cui sono significativamente condensate anche la storia e la dinamica di intere popolazioni, identità espressive, ere culturali, speculazioni ideologiche e filosofiche, scenari socio-economici. Sede indiscussa della modernità, l’immagine della città solleva anche simbolicamente interessanti questioni sulle prospettive a-venire, ovvero sui modelli futuri di civiltà che sembrano profilarsi all’orizzonte e che rimettono in discussione le categorie di tecnica e natura, progresso e origini, alienazione e autenticità vitale. Si tratta dunque di un tema che condiziona ed è condizionato dall’uomo, e lascia ovunque le sue impronte, rendendolo – in modo continuo e tuttavia sempre nuovo-, ‘urbano’.
Tutte le sessioni tematiche di seguito riportate sono aperte ad analisi singole e/o interdisciplinari. I contributi verranno successivamente collezionati all’interno di un volume degli atti, per il quale è prevista una pubblicazione.

Le sessioni tematiche proposte sono:

La città del passato e la città del futuro:

La società proietta l’eredità del passato, così come le preoccupazioni e le speranze del presente si manifestano in un probabile futuro, ora utopico, ora inquietante. Lo spettro di conseguenze che appare dischiudersi oggi, attraversa considerazioni di varia natura: dal punto di vista politico ed economico, la dispersione degli aggregati sociali sposta lo scambio di informazioni e la capacità di gestione delle città sulle reti internet, ponendo così da parte della nuova governance la sfida di poter esperire di cittadini virtuali, introdotta dal modello di città intelligenti o “smart cities”. In questa sessione invitiamo, dunque, a mettere in evidenza le delicate questioni che riguardano spersonalizzazione e distopia, alcuni degli assi dai quali è possibile iniziare una valutazione del quadro generale.

Il ritmo urbano:

I contesti urbani sono in grado di generare un ritmo proprio, tipico ma al tempo stesso anche riproducibile. Basti pensare alle scelte architettoniche, alle produzioni artistiche, alle forme di comunicazione scaturite, siano esse autoctone o d’imitazione: tutti questi ambiti riflettono delle specifiche dominanti, degli accenti, ovvero dei ritmi indissolubilmente intrecciati allo spazio in cui prendono vita. In casi più estremi, alcuni quartieri possono trasformarsi radicalmente persino nell'arco di una sola giornata, rivelandosi spazi stratificati, bacini che ospitano al loro interno anime differenti eppure egualmente legate a quello stesso contesto. Questo pulsare – continuo, alternato o contraddittorio che sia – risulta essere un fenomeno tanto affascinante e creativo quanto sfuggente e opprimente. In questa sessione invitiamo dunque a una riflessione sull’urbano ricondotto al pulsare di differenti stili di vita, d’arte e linguaggio che si verificano al suo interno.

Paesaggio, Territorio, Città

Lo sviluppo di un sistema urbano è strettamente condizionato dal territorio sul quale sorge. L’accesso al mare, la vicinanza a sistemi montuosi, la collocazione al centro di linee di viabilità, il fattore climatico e meteorologico, sono solo alcuni degli elementi fondativi e caratterizzanti dei diversi insediamenti, in grado di incidere significativamente sul tessuto sociale. Questi adattamenti radicali modificano così il territorio, sconvolgendo definitivamente il paesaggio preesistente. L’uomo si è dimostrato capace di sfidare i condizionamenti della natura, di creare un ambiente protetto anche nelle zone meno accoglienti del globo; in ultima analisi però troppi ambienti appaiono convertiti in un luogo omologato e defraudato della propria identità naturale e geografica. L’avanzare della modernità rimette continuamente in gioco il rapporto dell’uomo con la Natura, con i volti della città, ma anche con il proprio Io. In questa sessione, invitiamo a una riflessione sul rapporto fra la città e il territorio sul quale insiste.

Antiestetica o nuova concezione estetica urbana:

L’influenza della creatività umana all'interno del contesto cittadino appare tra i temi che maggiormente ci invitano a ripensare la concezione dello spazio vissuto nel quotidiano e del concetto stesso dell’umano. La città risulta essere la scenografia prediletta della letteratura e della comunicazione artistica; queste hanno dimostrato un vivo interesse e una propensione per la città, tanto da porsi anche con occhio critico nei suoi confronti, decostruendone l’immagine per ricomporla attraverso opere narrativo-visive. La multimedialità dei linguaggi ha già spostato il confine estetico, aprendo una discussione sulla possibile nascita di una nuova etica in cui l’estetica della città, viene decodificata in molteplici varianti, generando fitti collegamenti e divenendo così uno degli schemi principali dell’azione ludico-narrativa, risultandone spesso il tema privilegiato. In questa sessione, invitiamo a riflettere sul rapporto che l’uomo ha con lo spazio cittadino inteso come luogo continuamente attivo nell’interscambio culturale.

Related Resources

ACM - ICNCC 2017   ACM--2017 VI International Conference on Network, Communication and Computing (ICNCC 2017)--EI & Scopus
ICNCC - Ei 2017   ACM--2017 VI International Conference on Network, Communication and Computing (ICNCC 2017)--EI & Scopus
ILP 2017   The 12th Workshop of the International Lithosphere Program Task Force VI Sedimentary Basins
MACI 2017   VI Congreso de Matemática Aplicada, Computacional e Industrial